Addominali scolpiti: ecco 5 falsi miti da sfatare

In questo articolo andiamo a sfatare 5 falsi miti sugli addominali scolpiti.

Gli addominali sono il gruppo muscolare più amato. Chiunque farebbe di tutto per ridurre il giro vita e intravedere questa meravigliosa fascia muscolare. Ma non tutti sanno come fare!!

Ancora oggi molte persone fanno errori madornali sull’alimentazione e sull’allenamento di questo  gruppo muscolare, certo i motivi possono essere vari.

Ma adesso vediamo di sfatare alcuni dei più importanti falsi miti:

1)   Uno dei più importanti e che molti ancora non sanno è che NON esistono addominali alti o bassi

L’addome è composto da un muscolo principale unico chiamato “retto dell’addome” che compone i cosiddetti addominali alti e addominali bassi. La funzione di questi muscoli è quella di far avvicinare la gabbia toracica al bacino. Andiamo ad esaminarli ad uno ad uno:

  • Gli Obbligui esterni, permettono di far flettere il busto verso l’esterno.
  • Gli Obliqui Interni, abbassano le costole e fanno flettere il busto verso il lato in cui sono posti.
  • Il Trasverso dell’addome, abbassa le costole ed aumenta la pressione addominale. Stabilizza la colonna vertebrale durante gli sforzi.

Scarica la guida gratuita

2)   L’alimentazione per avere addominali scolpiti deve essere drastica? (falso)

Fare un’alimentazione drastica non da sicuramente dei buoni risultati, è vero che per avere addominali scolpiti il 70%  dipende dall’alimentazione, ma non e necessario fare diete drastiche.

Le diete drastiche ti danneggiano psicologicamente, e di conseguenza ingrasserai ugualmente anche di più, quindi ti basta evitare principalmente i carboidrati ad alto indice glicemico. I principali killer per gli addominali sono i farinacei e non i grassi saturi, per non parlare poi dello zucchero che si trasforma subito in grasso, dimentica tutte le altre cose che hai letto e sentito fino ad ora.

3)   Fare migliaia di esercizi e molte ripetizioni fino a farti venire il vomito

Evita assolutamente questo grande errore.  Di solito in alcune grandi palestre dove ci sono molti istruttori, noti che fanno fare migliaia di ripetizioni in modo da tenervi impegnati il più possibile, cosi loro hanno più tempo per fare ciò che vogliono, tanto a loro gli interessa lo stipendio, quindi stai attento a non fare questi fondamentali errori.

Ti basta fare 3 serie da 10/15 ripetizioni per un esercizio 3 volte a settimana. Se poi vuoi aumentare l’intensità, puoi usare il sovraccarico, poi tutto può variare a seconda del tipo di corpo. Alcuni fanno fare anche migliaia di esercizi addominali per dimagrire, ma non è questo che fa dimagrire, gli esercizi servono per allenare il muscolo non per dimagrire, per ridurre il grasso accumulato nel giro vita devi fare molto allenamento aerobico o semplice corsa, e ovviamente una alimentazione corretta.

 => Se vuoi ottenere risultati più velocemente puoi anche scegliere “Addome Explosion” che ti spiega in modo semplice e veloce come ottenere Pancia Piatta e Addominali Scolpiti, l’unica in Italia dove ho inserito il mio personale sistema Try Body.

4)   Per avere addominali scolpiti devo per forza andare in palestra e sono obbligato ad allenare tutto il corpo (falso)

Puoi benissimo fare un allenamento a casa con dei semplici pesi e  esercizi a corpo libero, non servono attrezzi particolari, puoi fare dei semplici esercizi a casa, un po di corsetta e alla fine puoi fare uno o due esercizi per gli addominali.

5)   Per avere un corpo super palestrato con addominali scolpiti ti devi per forza dopare

Quante volte lo hai sentito dire? Certo avrai risultati in poco tempo, in poche settimane, ma secondo te è vera massa magra che hai acquisito o è solo effetto dei farmaci? Il segreto è usare un sistema adatto al tuo tipo di corpo, significa avere risultati pari a quelli dello doping con un po di tempo in più, ma con vera massa muscolare e Addominali ben scolpiti, peso naturale e senza perdita di massa nei periodi di riposo e soprattutto più salute e meno problemi da effetti collaterali.

Ti basterebbe seguire un sistema professionale per addominali e non avrai bisogno di doparti

Ecco tutto quello che c’era da sapere per avere addominali scolpiti, segui i miei consigli e avrai dei risultati ugualmente in poco tempo. Sei pronto a metterti a lavoro?

Se vuoi approfondire qualcosa, fammi la tua domanda nei commenti quì in basso, leggo tutti i commenti e sarò felice di risponderti, oppure puoi darmi solo un semplice parere, te ne sarò veramente grato.

Condividi anche sul tuo social preferito per far conoscere queste preziose informazioni anche ai tuoi amici

Scarica la guida gratuita

Informazioni su

Rosario Lo magno è l'inventore del sistema Try Body, il primo in Italia a parlare nello specifico di allenamento in base al proprio tipo di corpo per aumentare i risultati fino al 300%

Pubblicato in Addominali scolpiti, Alimentazione, Allenamento corretto

Lascia un commento

22 comments on “Addominali scolpiti: ecco 5 falsi miti da sfatare
  1. francesco ha detto:

    tutto vero quello che dici, purtroppo credo che qualche piccolo segreto ci sia senno tutti gli avremmo….
    io curo molto l’alimentazione mi alleno in palestra con esercizi multiarticolari e corsa all’aperto, cibi integrali cereali integrali zero dolci e tante uova e pesce, ma non ho addominali scolpiti…….quindi qualche errore sicuramente lo commetto….
    comunque grazie per le dritte che ci dai.

    • Rosario Lo magno ha detto:

      Ciao francesco e grazie per il tuo bel commento.
      Il segreto è che non dobbiamo desiderare mai gli addominali di qualcun altro, ognuno di noi sviluppa gli addominali in base alla genetica (tipo di corpo).
      Continua con la tua alimentazione corretta e avrai presto dei buoni addominali.

  2. ramon ha detto:

    Buongiorno.
    Io sono un ectomorfo (petto 100, vita 67, fianchi 91) con uno sviluppo buono sulla parte alta del torace, che poi va a stringersi molto in vita. Il mio punto debole sono i dolori lombari.
    Ho notato che col crunch classico, anche ponendo un peso da 5 kg sul petto ho buoni risultati, con 3 serie da 15 ogni 3 giorni. Abbinando però il crunch inverso trovo un aumento della lomabalgia, pure se in forma moderata. Sarei grato di un consiglio: dato il mio problema con cosa posso sostituire il crunch inverso?

    • Rosario Lo magno ha detto:

      Ciao Ramon, visto che sei un ectomorfo il crunch classico come unico esercizio per giorno è sufficiente.
      Il crunch inverso lo puoi fare un altro giorno, e non dovresti avere aumento di lombalgia, in caso dovresti avere ancora problemi di lombalgia puoi sostituire il crunch inverso con alzate delle gambe alla sbarra.

  3. Francesco ha detto:

    Ciao, bellissimo articolo, avevo sentito molte cose sugli addominali, molti modi per allenarli, ma io ho sempre pensato più o meno come hai scritto te qui sopra, infatti ho sempre seguito questo tipo di allenamento, pochi esercizi ma fatti in maniera corretta e a corpo libero, infatti gli addominali iniziano a sentirsi e a distaccarsi in maniera netta fra di loro…. Solo che non riesco a mandare via quella poca ciccia che ho sulla parte inferiore della pancia :((( e ad evidenziarli in maniera corretta

  4. marco ha detto:

    Chiaro e interessante

  5. gennaro ha detto:

    Salve,vorrei scolpire gli addominali,peró mangio pasta due volte al giorno,è un errore?

    • Rosario Lo magno ha detto:

      Ciao Gennaro, si i farinacei sono il peggior nemico degli addominali

      • gennaro ha detto:

        Grazie x il consiglio!:-)
        Volevo dirvi che il mio istruttore,mi diede una dieta alimentare,in cui mi ha quasi eliminato la pasta(un pasto solo una volta a settimana),e mettendo carne,fresa,pesce,mandorle ecc,siccome ho avuto un po di difficoltà nel seguirla,perché è molto impegnativa,stavo anche perdendo molti chili,ed ora ho smesso di seguirla punto x punto,cerco di fare quello che posso,e come vi ho detto nella domanda precedente mangio due volte al giorno la pasta,lei nn mi può dare un consiglio meno impegnativo?

  6. Luigi Fabio De Mitri ha detto:

    Buondì mi presento sono
    Fabio PT ISSA Italia tutto ciò che dici è più che giusto,
    un unica precisione che ho da fare è che ognuno di noi
    ha una propria genetica nonché risposta insulinica eccesso di cortisolo ecc che contribuiscono a substrati sottocutanei di adipe.
    Quindi la strada dell’addome scolpito è molto impervia da seguire….
    Si può ottenere tutto ma non l’impossibile.
    Grazie a tutti vi saluto.

    • Rosario Lo magno ha detto:

      Ciao Luigi, si infatti ognuno di noi sviluppa addominali in modo diverso.

      L’impossibile lasciamolo stare, la soluzione più facile da seguire è fare il possibile per ottenere i massimi risultati.

  7. Michele ha detto:

    Si e’ tutto vero .. Pero’ secondo me queste regole sono solo la base per farsi venire gli addominali fino ad un certo punto ma per chi volesse ancora di piu raggiungendo un risultato ancora migliore e’ necessario un qualcosa in piu da fare e da sapere che a me manca per uscire da questa fase di stallo..

  8. Rosario Lo magno ha detto:

    Ciao Michele,
    certo hai ragione sono solo la base ma anche un ottimo punto di partenza.
    Bisogna anche conoscere il proprio tipo di corpo e adattare tutto ad esso.
    Per approfondire il discorso eccoti una vera Guida Professionale:
    http://www.trainersbody.it/addome-fast

  9. Flavio ha detto:

    Ciao Rosario,
    al posto dello zucchero raffinato che dolcificatore suggerisci?
    Il miele può andare bene?
    Io ne uso uno sproposito,spero in una risposta positiva.
    Ciao e grazie,
    complimenti per i tuoi articoli davvero molto interessanti e utili.

    • Rosario Lo magno ha detto:

      Ciao Flavio e grazie, sono molto felice che i mie articoli ti sono molto utili 🙂

      Il miele è un ottimo dolcificante per sostituire lo zucchero raffinato, inoltre è molto utile per fortificare i muscoli, aumenta la resistenza e favorisce il recupero.

  10. Federico ha detto:

    L avena, fa male per l addome?(dovrebbe essere a basso indice glicemico)

  11. Rosario Lo magno ha detto:

    Ciao Federico,

    l’avena è una fonte di carboidrati a lenta digestione.
    (A basso indice glicemico), e non causa picchi insulinici.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*